Traduttore
Piano Pastorale

Vita della Comunità
fo_gallery_4cd85c9d8a6e8_Scilla10008.jpg
Accedi



mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday73
mod_vvisit_counterYesterday0
mod_vvisit_counterThis week73
mod_vvisit_counterLast week0
mod_vvisit_counterThis month73
mod_vvisit_counterLast month0
mod_vvisit_counterAll days500981

Spirito Santo - Curiosità

L’antica statua lignea di Sant’Antonio da Padova

 Del presente articolo è autore o curatore il dott. Rocco Panuccio, cultore di storia locale ed esperto in beni storico-artistici e culturali. Ogni riproduzione, anche parziale (citazione diretta), è vietata senza espressa autorizzazione ed ogni utilizzo di notizie (citazione indiretta) senza citarne la fonte costituisce condotta sleale e grave disonestà intellettuale. 

altLa statua di Sant'Antonio custodita nella chiesa di Spirito Santo venne donata dalla madre della compianta sindaco dott.ssa Paladino, la quale aveva richiesto a Dio che, per intercessione del Santo padovano, gli donasse la gioia della maternità. altLa grazia da lei richiesta venne esaudita e alla nascita della figlia - la dott.ssa Paladino appunto - per segno di riconoscenza, donò la statua che oggi si venera nella chiesa settecentesca. Ma la statua che oggi veneriamo risale alla metà del XX secolo e, in realtà, ne sostituisce una più antica, verosimilmente risalente al XVIII secolo che ormai è completamente rovinata. altPriva di Bambino (sicuramente andato perduto), di colore e delle parti aggiunte - come ad esempio gli occhi - è realizzata in legno e, nonostante le pessime condizioni di conservazione, si può ancora ammirare la sua grande qualità esecutiva.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 18 Novembre 2017 21:23 )

 

La cinquecentesca tavola di San Francesco

 Del presente articolo è autore o curatore il dott. Rocco Panuccio, cultore di storia locale ed esperto in beni storico-artistici e culturali. Ogni riproduzione, anche parziale (citazione diretta), è vietata senza espressa autorizzazione ed ogni utilizzo di notizie (citazione indiretta) senza citarne la fonte costituisce condotta sleale e grave disonestà intellettuale. 

alt

Il dipinto su tavola raffigurante san Francesco da Paola che noi possediamo è molto simile ad un altro dipinto su tavola venerato a Montalto Uffugo ed entrambe le figure sono, per lineamenti e caratteristiche, altsimili ad un ritratto di san Francesco custodito in Vaticano. Questo significa che, a grandi linee, i tratti somatici del nostro dipinto dovrebbero essere quelli che il Santo paolano possedeva. altInoltre, le didascalie dei medaglioni che incorniciano il dipinto e che raffigurano i miracoli più celebri del Santo sono scritte in vernacolo paolano antico. altSecondo una personalissima ipotesi, il Santo paolano ha compiuto il prodigioso attraversamento dello stretto di Messina sul mantello, da Scilla, perché, dovendosi recare a Milazzo e provenendo da nord, sarebbe stato inutile proseguire sulla costa calabra per attraversare lo stretto più a sud, aumentando di molto i chilometri da percorrere e quindi i tempi. In base a questa ipotesi, gli scillesi, rimasti impressionati da questo prodigio, volendo introdurre il culto al Santo anche nella loro città, avrebbero commissionato questa meravigliosa opera cinquecentesca. altA suffragare questa tesi vi è la parte soprastante del dipinto che ritrae proprio l’attraversamento dello Stretto che, rispetto agli altri miracoli raffigurati, si trova in posizione centrale ed è di dimensioni nettamente superiori quasi a voler sottolineare il legame tra Scilla e il miracolo ritratto.

alt

Ultimo aggiornamento ( Sabato 18 Novembre 2017 21:23 )

 

La Chiesa e i terremoti

 Del presente articolo è autore o curatore il dott. Rocco Panuccio, cultore di storia locale ed esperto in beni storico-artistici e culturali. Ogni riproduzione, anche parziale (citazione diretta), è vietata senza espressa autorizzazione ed ogni utilizzo di notizie (citazione indiretta) senza citarne la fonte costituisce condotta sleale e grave disonestà intellettuale. 

 

altLa chiesa dello Spirito Santo è l’unica in tutto il comprensorio dello Stretto ad aver superato incolume i due tremendi terremoti (1783-1908).
altQuesto perché le fondamenta della struttura poggiano su terreno sabbioso e la sabbia, durante le oscillazioni sismiche, ha svolto nei confronti della struttura soprastante il ruolo che oggi svolgono in Giappone le gigantesche molle poste alla base dei pilastri dei grattacieli.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 18 Novembre 2017 21:23 )

 


Chiese Aperte

    

Diocesi

Beni Culturali
Educat

Abstract

Donazioni

Banco Alimenti

Bibbia online

Santo oggi

 

Liturgia Ore

Calendario Lit
Liturgia oggi

Quiz Bibbia
Almanacco CEI

Bibbia Edu