Traduttore
Piano Pastorale

Vita della Comunità
341335_168495796560067_100001989436714_345613_3821349_o.jpg
Accedi



mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday88
mod_vvisit_counterYesterday0
mod_vvisit_counterThis week88
mod_vvisit_counterLast week0
mod_vvisit_counterThis month88
mod_vvisit_counterLast month0
mod_vvisit_counterAll days500996

Carmine - Origini

Del presente articolo è autore o curatore il dott. Rocco Panuccio, cultore di storia locale ed esperto in beni storico-artistici e culturali. Ogni riproduzione, anche parziale (citazione diretta), è vietata senza espressa autorizzazione ed ogni utilizzo di notizie (citazione indiretta) senza citarne la fonte costituisce condotta sleale e grave disonestà intellettuale.

La chiesa della Madonna del Carmine sorge in luogo della settecentesca chiesa di San Luigi Gonzaga . Quest’ultima era una delle quattro chiese che esistevano nella zona: la chiesa di San Sebastiano in principio dell’attuale piazza San Rocco; la chiesa di San Giorgio in luogo dell’attuale chiesa patronale; la chiesa di San Marcellino nel mezzo dell’attuale via Umberto I - chiamata allora, appunto, via San Marcellino - ed infine la chiesa di San Luigi Gonzaga a termine della via. Per salvaguardare la memoria storica di queste chiese non più esistenti, nel tetto della chiesa di San Rocco sono stati collocati dei tondi dipinti raffiguranti i santi titolari delle stesse . Anche se non sono arrivati ai nostri giorni reperti artistici a testimonianza di questa devozione, tracce di essa si ritrovano nel linguaggio degli scillesi. L’attuale chiesa del Carmine, infatti, è comunemente detta, in vernacolo scillese, di Santa Loia che, tradotto in italiano, significherebbe San Luigi. Distrutta dal terremoto del 1908, la chiesa venne ricostruita in legno e vennero collocati al suo interno - oltre alla statua novecentesca di stile leccese raffigurante la Vergine del Carmine che ha sostituito la più antica oggi custodita nella chiesa di San Giuseppe - gli arredi sacri appartenuti alla chiesa confraternita del Ss. Rosario. In quegli anni precedenti la seconda guerra mondiale, inoltre, assunse particolare importanza la devozione verso San Pasquale.



Chiese Aperte

    

Diocesi

Beni Culturali
Educat

Abstract

Donazioni

Banco Alimenti

Bibbia online

Santo oggi

 

Liturgia Ore

Calendario Lit
Liturgia oggi

Quiz Bibbia
Almanacco CEI

Bibbia Edu