Traduttore
Vita della Comunità
Chianalea 2007 058.JPG
Accedi



mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday27
mod_vvisit_counterYesterday0
mod_vvisit_counterThis week27
mod_vvisit_counterLast week0
mod_vvisit_counterThis month27
mod_vvisit_counterLast month0
mod_vvisit_counterAll days500935

San Giovanni - Santi venerati

La Madonna del Buon Consiglio

Del presente articolo è autore o curatore il dott. Rocco Panuccio, cultore di storia locale ed esperto in beni storico-artistici e culturali. Ogni riproduzione, anche parziale (citazione diretta), è vietata senza espressa autorizzazione ed ogni utilizzo di notizie (citazione indiretta) senza citarne la fonte costituisce condotta sleale e grave disonestà intellettuale. 

La chiesa, successivamente “intitolata” a San Giovanni Battista dal popolo, venne realizzata come chiesa della Madonna del Buon Consiglio. A sinistra altdell’abside, su di una mensoletta in legno, è collocato un piccolo quadro che ritrae la Madonna del Buon Consiglio. Una cornice altdorata e interamente lavorata in altorilievo racchiude l’immagine della Vergine col Bambino che nella parte inferiore reca la dicitura Madonna del Buon Consiglio in diverse lingue. La Vergine altindossa una veste verde ed un mantello azzurro che avvolge anche il Bambino che ha una veste rossa. Entrambi hanno un colletto dorato. La Verginealt indossa un diadema ed un tondo dorato per aureola. Il Bambino ha un diadema identico nella forma ma più piccolo ed un’aureola di diverso stile.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 18 Novembre 2017 21:34 )

 

Sant'Antonio da Padova

Del presente articolo è autore o curatore il dott. Rocco Panuccio, cultore di storia locale ed esperto in beni storico-artistici e culturali. Ogni riproduzione, anche parziale (citazione diretta), è vietata senza espressa autorizzazione ed ogni utilizzo di notizie (citazione indiretta) senza citarne la fonte costituisce condotta sleale e grave disonestà intellettuale. 

La statua è custodita durante l’anno in una vetrina in legno dalla forma e dimensioni identiche a quella all’interno della quale è custodita la statua di San Giovanni Battista. I primi altgiorni di giugno, durante il periodo dei festeggiamenti religiosi, a Sant’Antonio dedicati, la statua viene collocata su di una vara lignea finemente lavorata e dipinta di color marrone con particolari in oro, riconducibile alla fine del XIX secolo. La statua, altche appartenne al convento dei Padri Cappuccini che sorgeva nell’attuale Villa Comunale, è di piccole dimensioni ed è realizzata in legno. Il Santo altindossa il classico saio marrone. Con il braccio destro tiene il Bambino Gesù. Questi è seduto su un libro aperto dalla copertina rossa. La mano altdestra regge un giglio bianco mentre la sinistra, così come il volto, è rivolta verso il viso di Sant’Antonio. Il Santo, che con la mano destra regge anch’esso un giglio bianco, ha il capo rivolto verso il Bambino. Il Santo altha i capelli e gli occhi, realizzati in pasta vitrea, castani ed è rappresentato in età giovanile.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 18 Novembre 2017 21:34 )

 

San Giovanni Battista

Del presente articolo è autore o curatore il dott. Rocco Panuccio, cultore di storia locale ed esperto in beni storico-artistici e culturali. Ogni riproduzione, anche parziale (citazione diretta), è vietata senza espressa autorizzazione ed ogni utilizzo di notizie (citazione indiretta) senza citarne la fonte costituisce condotta sleale e grave disonestà intellettuale. 

All’interno della chiesa è custodita una scultura lignea raffigurante San Giovanni Battista realizzata nel 1900 da Raffaelangelo Musitano di Delianuova: la stessa altbottega nella quale, l’anno successivo, furono scolpite le statue dei Santi Cosma e Damiano. Durante l’anno la statua viene custodita all’interno di una vetrina in legno. A giugno, altdurante il periodo dei festeggiamenti religiosi, a San Giovanni dedicati, la statua viene collocata su di una vara lignea realizzata dal falegname Pasquale Paladino nel 1936. Il Santo altPrecursore è raffigurato secondo i canoni dell’iconografia classica. Dai piedi scalzi, è ricoperto da una veste di pelle di pecora con l’interno di color marroncino chiaro. Alla vita, una cintola è dipinta di verde con intervallate strisce in oro. Un mantello rosso con bordi dorati, infine, gli copre le spalle. Il braccio altdestro e l’indice sono rivolti verso l’alto. Il braccio sinistro è poggiato sul dorso di un Agnello scolpito accovacciato. Con la mano sinistra tiene due pezzi di canna intrecciati a forma di Croce recante un striscia di stoffa sulla quale è ricamata la dicitura “ECCE AGNUS DEI”. I capelli sono lunghi e di colore castano così come di colore castano è anche la barba. Lo sguardo altè particolarmente profondo e gli occhi, in pasta vitrea, sono di color castano chiaro.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 18 Novembre 2017 21:35 )

 


Chiese Aperte

    

Diocesi

Beni Culturali

Educat

Abstract

Donazioni

Banco Alimenti

Bibbia online

Santo oggi

 

Liturgia Ore

Liturgia oggi

Quiz Bibbia
Almanacco CEI